Come scrivere un composto chimico di formula

Come scrivere un composto chimico di formula


Una competenza di base in chimica è la capacità di scrivere e capire formule chimiche. La formula per un composto chimico descrive il numero e il tipo di atomi all'interno di una molecola. La formula identifica un composto molto precisa, distinguibile da altri composti. Formule chimiche sono spesso scritti utilizzando il nome del composto, anche se l'ultima fonte di informazioni per determinare sia il nome e la formula di un composto sono i risultati degli esperimenti. Una comprensione della disposizione degli elementi nella tavola periodica e le informazioni della tabella fornisce notevolmente accelerare la scrittura di formule chimiche.

istruzione

Differenziare ionico e composti molecolari

1 Conoscere la posizione di metalli e metalloidi sulla tavola periodica. I metalli sono situati verso sinistra e centro del tavolo, e non metalli si trovano verso il lato destro della tabella.

2 Identificare il composto come ionico dalla presenza di ioni nella molecola. Metalli sono ioni, per cui la presenza di un metallo nel composto indica che il composto è ionico. composti ionici binari sono facilmente identificabili come avente due elementi (quindi binari), uno è uno ione positivo metallico (cationi) e l'altro uno ione negativo metalloide (anione). composti ionici possono avere più di due elementi incorporando un ione molecolare (cioè, uno ione contenente più di un atomo). Si noti che l'idrogeno può agire come un anione con altri elementi non metallici.

3 Identificare composti molecolari per l'assenza di ioni e la presenza di soli atomi non metallici.

Formula per ionici Composti

4 Scrivere il simbolo atomico per ogni elemento nella molecola. simboli atomici sono descrizioni singole o doppie lettera scorciatoia per ogni elemento. Ad esempio, C è il simbolo atomico del carbonio, Ne è il simbolo atomico per Neon, e Fe è il simbolo atomico per Iron. simboli atomici sono esposte in maniera visibile sulla tavola periodica degli elementi.

5 Determinare la carica di ogni ione. Per monoatomiche (un elemento) ioni che non sono metalli di transizione, questo può essere realizzato utilizzando la tabella periodica. Con l'eccezione di metalli di transizione situati al centro del tavolo, la carica è fissa per gli elementi di ciascun gruppo (colonna) sulla tavola periodica. elementi 1A Gruppo (detti metalli alcalini e composti da litio, sodio, ecc) hanno una carica +1. Elementi 7A Gruppo (chiamati gli alogeni e composto da cloro, fluoro, ecc) hanno un -1 carica.

6 Scrivi la carica di ogni ione sopra il simbolo per lo ione. In cloruro di sodio residuo ionico, il sodio è +1 e il cloro è -1. A +1 è scritto sopra il simbolo del sodio Na, e -1 è scritto sopra il simbolo per il cloro (Cl).

7 Determinare il numero di ioni nel composto aumentando il numero di ioni finché la carica netta è zero. Ad esempio, in ossido di potassio dello ione potassio ha una carica +1, ma lo ione ossigeno ha una carica -2. L'aggiunta di un altro ione potassio crea una carica +2, che una volta sottratto al -2 carica di ossigeno produce una carica netta pari a zero. Pertanto, in ossido di potassio sono due atomi di potassio per ogni atomo di ossigeno.

8 Scrivi un numero (generalmente in commercio in pedice) dopo lo ione se più di uno ione è presente. ione molecolare sono racchiusi tra parentesi per indicare che il numero rappresenta il numero di ioni poliatomiche "unità", piuttosto che gli atomi aggiuntivi all'interno del ione molecolare. ossido di potassio nel precedente esempio è scritto come K2O. Idrossido di calcio è scritto come Ca (OH) 2, poiché vi sono due ioni idrossido (un ione molecolare composto di idrogeno e ossigeno con una carica di -1) per ogni ione calcio (carica di +2).

Formula per ionici composti con metalli di transizione

9 Determinare se il composto ha un metallo di transizione per lo ione. Metalli di transizione si trovano al centro della tavola periodica e hanno un numero di ossidazione variabile (carica). L'accusa di metalli di transizione è scritto nel nome composto con l'inclusione di un numero romano, circondato da parentesi dopo l'anione. Rame (I) solfato ha una carica +1 sul di ioni di rame indicata dal numero romano ho racchiuso in parentesi. Rame (II) solfato ha una carica +2 sul di ioni di rame indicata dal numero romano II.

10 Calcolare il numero di atomi di ciascun elemento nel composto. Ferro (II) ossido è chimicamente distinto da (III) ossido di ferro. In questo caso il numero romano rappresenta il numero di ossidazione per il ferro metallico e viene utilizzato per metalli di transizione, che possono avere un numero di ossidazione variabile risultante in una varietà di composti.

11 Scrivere il simbolo per ogni ione nel composto e la carica di ogni ione sopra.

12 Calcola il minimo comune denominatore per entrambi i valori di ossidazione. Nell'esempio di (II) ossido di ferro, il ferro ha un numero di ossidazione +2, e ossigeno (sempre) ha un numero di ossidazione di -2. Il minimo comune denominatore per il valore assoluto di entrambi i numeri è 2. In caso di ossido di ferro (III), ferro ha un numero di ossidazione +3, e l'ossigeno ha (ancora, sempre) un numero di ossidazione di -2. Il minimo comune denominatore per entrambi i numeri è di 6.

13 Dividere il minimo comune denominatore per il numero di ossidazione per determinare il numero di atomi di ciascun elemento nel composto. Dividendo 2 in 2 produce un quoziente di 1; Pertanto, in ferro (II) ossido vi è un atomo di ferro e un atomo di ossigeno. Per ossido di ferro (III), tuttavia, dividendo il minimo comune denominatore nel numero di ossidazione per ogni elemento produce un quoziente di 2 per il ferro e 3 per l'ossigeno. Così, la formula chimica (II) ossido di ferro è FeO mentre quella di ferro (III) ossido è Fe2O3.

Formula per composti molecolari

14 Scrivere il simbolo per ogni elemento nel nome chimico.

15 Scrivere il numero di atomi dopo ogni simbolo. composti molecolari includono il numero di atomi in nome con un prefisso. Nessun prefisso o il prefisso "mono" indica un atomo. Il prefisso "Di" viene utilizzato per due atomi, "tri-" per tre, "tetra" per quattro, e così via. tetracloruro di carbonio è scritto come CCl4 poiché non vi è un atomo di carbonio e quattro atomi di cloro.

16 Verificare la formula scrivendo il nome chimico che sarebbe derivata dalla formula che hai scritto.