Piano d'azione per aiutare qualcuno che è vittima di bullismo

Piano d'azione per aiutare qualcuno che è vittima di bullismo


Se il bambino non piace improvvisamente la scuola, è diventato più ritirato, ha contusioni o tagli insoliti e soffre di una quantità anomala di mal di testa, allora egli può essere vittima di bullismo. Spesso un bambino non vi dirà il genitore che qualcuno a scuola che lo disturba e invece è a voi per capire la causa del suo comportamento modificato. Una volta che sai cosa sta succedendo, si può mettere insieme un piano per risolvere il problema del bullismo.

istruzione

1 parlare con il bambino per confermare che lei è infatti vittima di bullismo, come si sospetta. Non dare la colpa a lei, chiedendo quello che ha fatto per provocare il comportamento; essere non giudicante e aiutarla a capire che il bullismo è sbagliato non importa la situazione.

2 Consentire al bambino di offrire soluzioni e aiutarlo a decidere che cosa è il miglior modo di agire. Ad esempio, il figlio può decidere di perforare la Bullier in faccia, nel qual caso si spiegherebbe che la violenza non è il piano di azione adeguato. O tuo figlio può decidere di girarsi e andare via la prossima volta che il Bullier gli si avvicina, che può essere un idea di lasciarlo provare. Incoraggiare il bambino lo aiuta a imparare capacità di problem solving.

3 Trovare qualcuno che il bambino è di lingua agio con se lei non vuole parlare con te. Tua figlia potrebbe essere in imbarazzo a dire che cosa sta succedendo con gli altri bambini a scuola. Chiedete al vostro coniuge, altri bambini, un altro parente, consulente di orientamento o amico di famiglia di fiducia di parlare con tua figlia, invece.

4 Parlate con insegnante di tua figlia, non appena si scopre che il bambino è vittima di bullismo. I bambini possono essere intelligenti quando bullismo qualcuno e, pertanto, l'insegnante può non sapere che il bullismo è anche in corso. Una volta che l'insegnante è a conoscenza del problema, che può intervenire per aiutare.

5 Vai principale se non cambia nulla dopo aver parlato con l'insegnante. Il preside può quindi organizzare un incontro tra lei ei genitori del bambino che sta facendo il bullismo.

Consigli e avvertenze

  • Contattare la polizia se pensate che ci sia una minaccia fisica per il vostro bambino.